Sabe di Marco Salvatori - Via Sacharov (Zona Ind. Cisterna) Tolentino (MC) • Tel 0733 974049 • info@sabesnc.it

Domande frequenti

Scale

Quando si possono prendere le misure del vano scala?

Le misure del vano scala vanno prese a foro e muri intonacati, ed i pavimenti devono essere finiti.

Quando si deve posare una scala?

Una scala come un rivestimento o una ringhiera, deve essere posata a lavori completamente ultimati, anche per evitare rischi di danneggiamenti da parte di elettricisti e imbianchini.

È possibile installare una scala a sbalzo su una parete non portante?

Sì, è possibile: grazie alla ringhiera che farà da elemento di tenuta.

Di quale spessore necessita il muro per il montaggio di una scala a sbalzo?

Un minimo di 15 cm circa, ad esclusione però delle pareti in cartongesso, dove non è possibile fissare una scala a sbalzo.

È necessario inserire una fascia in ferro all’interno della parete per il montaggio di una scala a sbalzo?

Fortunatamente non ce n’è più bisogno, con un grande risparmio di tempo e denaro.

Le vostre scale sono certificate?

Certo, potete trovare tutte le documentazioni nell’area certificazioni.

Se ho un piccolo foro (per es. 120 x 120 cm) devo per forza installare una scala a chiocciola?

No, si può valutare la possibilità di inserire una scala a giorno di piccole dimensioni ma comunque molto più comoda.

Qual è il tempo medio per la consegna di una scala?

Il tempo naturalmente varia in base al modello scelto, ma in media impieghiamo dai 40 ai 60 giorni di calendario per consegnarvi la vostra scala.

Come va effettuata la pulizia di una scala?

Sia le parti in legno che in metallo si puliscono con un semplice panno inumidito di acqua, si sconsigliano prodotti contenenti materiali siliconici. Comunque al momento della consegna forniamo tutti gli accorgimenti da seguire specifici per ogni prodotto.

Perchè dovrei scegliere una scala prefabbricata anzichè una in muratura?

Una scala prefabbricata dà la possibilità di personalizzare maggiormente l’ambiente, diventando un proprio oggetto d’arredamento, ed inoltre rende la vostra casa più facile da ristrutturare, senza grossi interventi di muratura, dato che si può smontare in ogni momento.

Inoltre ricordiamo che la scala in muratura necessita di tre fasi:
1) Realizzazione della gettata in muratura
2) Realizzazione del rivestimento
3) Realizzazione della ringhiera

Questo implica organizzarsi con tre fornitori diversi, quindi perdere molto più tempo; inoltre il prezzo totale di questi tre fornitori è quasi identico a quello di una scala prefabbricata di fascia media.

Pavimenti in legno

È possibile posare un parquet su un pavimento esistente?

Sì, è possibile, purchè il pavimento esistente (marmo, piastrelle, legno) sia in buone condizioni strutturali. Questi pavimenti andranno graffiati prima della posa in opera del nuovo parquet.

È possibile posare un parquet su pavimento con riscaldamento a terra?

Sì, è possibile con alcune accortezze in merito al tipo di parquet, di spessori ed essenze. È preferibile scegliere un parquet prefinito di spessore non superiore ai 15 mm.

È necessario accendere il riscaldamento a pavimento prima di posare il parquet?

Sì, è indispensabile accendere il riscaldamento per almeno 10/15 giorni prima della posa del parquet.

È possibile ricarteggiare in futuro un parquet prefinito?

Con 4 mm di legno nobile è possibile ricarteggiare il proprio parquet prefinito per almeno due volte.

Si può posare un parquet in bagno e cucina?

Sì, è possibile. Un parquet per sua natura può rigarsi, ammaccarsi e usurarsi, ma con un po’ di accortezza non subirà danni importanti e assumerà negli anni un aspetto sempre più bello ed esclusivo.

È corretto ‘finire’ un parquet prefinito dopo averlo posato?

No, è un controsenso. La finitura fatta sul posto da qualsiasi posatore non potrà mai avere la stessa resistenza di una finitura fatta in azienda con tecnologie e sistemi avanzati.

Perché generalmente i posatori di parquet consigliano parquet tradizionali piuttosto che parquet prefiniti?

Perché ne traggono un vantaggio economico avendo più fasi di lavorazione.

È possibile avere un Rovere italiano?

No, il rovere nasce solo in determinate zone dell’est Europa. Si può avere una lavorazione italiana su materiale però di provenienza estera.

Esiste il Rovere cinese?

No, può soltanto essere lavorato in Cina. In Cina non nasce Rovere.

I vostri pavimenti in legno sono certificati?

Sì, certo. Nell’area certificazioni troverete tutte le documentazioni relative ai nostri prodotti.

Back to Top